Come creare un video virale

viral videoUn paio di anni fa stavo visitando una nota fiera dedicata ai professionisti della Rete e sono stato bloccato da una "simpatica" signorina che ha cominciato ad illustrarmi un servizio di produzione di video per Internet. Alla mia richiesta di vedere qualche video, la signorina comincia a cliccare sul suo portatile fino a far partire quello che definisce un "video virale", cioè quel tipo di video la cui diffusione si basa essenzialmente sul "passaparola".

Al termine della presentazione ricordo di aver pensato che mai avrei girato a qualche mio amico quel filmato. Si trattava infatti di uno spot pubblicitario di quelli che normalmente vediamo nelle reti TV di second'ordine. Alle mie perplessità la signorina ha risposto solo con un "Del resto i clienti chiedono questo…"

Ma allora come si fanno i video virali? In più di vent'anni di esperienza nel campo del video (e in più di 10 di lavoro su Internet), ho imparato che non è possibile prevedere se un contenuto possa diventare virale o meno. Esistono però delle caratteristiche comuni che possono darci la possibilità di creare un video di questo tipo. Nulla è garantito ma…tentar non nuoce! 

Ecco i miei consigli a chi si appresta a girare un video virale:

  • 1) Sii semplice. Tutti i video virali hanno una caratteristica in comune: sono facilmente comprensibili indipendentemente dalla lingua e dalla cultura. Non c'è bisogno di inventarsi una trama complicata o di girare con una telecamera da diecimila euro: più il prodotto si avvicina a quello che potrebbe fare una qualsiasi persona con la propria telecamera e il proprio computer e meglio sarà.
  • 2) Cerca di essere originale. Nessuno passa all'amico qualcosa che sa di già visto. E' molto difficile al giorno d'oggi trovare una storia che possa essere realmente qualcosa di nuovo ma si può sempre lavorare sul tipo di riprese, sul "punto di vista" esclusivo o su un dialogo inconsueto.
  • 3) Il riso è contagioso. Le situazioni che portano alla risata godono in genere di un'ottima diffusione basata sul passaparola, dunque un video comico è potenzialmente destinato a diventare viral. Le possibilità sono infinite e non limitate alla sola recitazione: doppiaggio, sottotitoli, parodie…siate originali anche nel trovare il modo per far ridere il prossimo!
  • 4) La realtà diventa spesso virale. Molti dei video virali sono di tipo "amatoriale", ciò significa che vengono comunemente girati con apparecchiature e stile che sono l'opposto di quelli professionali. Se volete girare un video di questo tipo - ad esempio riprendendo le reazioni di vostro nonno alla visione di un film erotico - cercate di girare con luci naturali, montaggio essenziale e nessun commento musicale: il vostro video deve sembrare realmente in "presa diretta"!
  • 5) Cani e gatti sono virali. Gli animali da compagnia sono uno dei soggetti più in voga nei viral video quindi potrebbe essere una buona idea utilizzare i loro comportamenti per crearne uno tutto vostro. Ricordatevi però che gli animali sono pur sempre esseri viventi e vanno trattati con rispetto!
  • 6) La musica piace a tutti. Molti video virali si basano esclusivamente sulla musica o sono dei videoclip musicali. Se non siamo i nuovi Justin Bieber, cerchiamo almeno di utilizzare qualche brano noto per costruirci sopra un video strano e divertente.
  • 7) Utilizza un video virale per fare un video virale. In genere i video realizzati prendendo spunto da un video virale diventano virali anch'essi. Quante parodie del videoclip "Gangnam Style" di PSY sono state fatte? Molte di esse sono diventate a loro volta video virali.
  • 8) Riprova, sarai più fortunato! E' molto probabile che il vostro video avrà difficoltà a diventare virale. Invece di rinunciare chiedetevi il perché. A volte basta un piccolo accorgimento per trasformare il ferro in oro zecchino, quindi tenete a mente che su Internet "insistere" è una delle parole-chiave per arrivare al sucesso!

Una volta che avrete creato il vostro capolavoro cercate di mostrarlo agli amici e ai parenti per saggiarne la reazione. Anche se il loro giudizio sarà condizionato dal rapporto che vi lega, riuscirete sicuramente a capire se avete fatto centro o meno. 

Quando siete sicuri di avere il vostro viral video perfetto, cominciate a diffonderlo inizialmente sui canali di YouTube, Vimeo e sulle altre community video, poi sui social network come Twitter e Facebook (senza dimenticarvi di Google+). Ricordatevi di inserire nel video l'indirizzo del vostro sito internet o il vostro nome! Durante la diffusione virale nessuno vi attribuirà il merito del filmato in questione per cui è essenziale includere l'attribuzione del contenuto direttamente nel video.

E ricordate: la maggior parte dei video diventa virale per caso. Le aziende che spendono fior di quattrini per creare video virali poi spendono altrettanto per la loro promozione. I videomaker indipendenti non hanno tutte queste risorse per cui devono utilizzare quello che hanno. Utilizzate tutti i canali disponibili: amici, parenti, parenti acquisiti, semplici conoscenti, commilitoni, compagni di merende e vecchi compagni di scuola…prima o poi riuscirete a coronare il vostro sogno diventando il Re del viral!

 

Image courtesy of imagerymajestic / FreeDigitalPhotos.net


Condividi
FaceBook  Twitter  

Cronologia Articoli

Twitter

fabmad Stop ai CV: Unilever assume grazie all'AI e alla Gamification https://t.co/1AUywOFg1D

© 2017 FabMad di Fabrizio Maddalena P.I. 08082900963. Tutti i diritti riservati - Social: Fabrizio Maddalena su Facebook Fabrizio Maddalena su Twitter Fabrizio Maddalena su LinkedIn Fabrizio Maddalena su Google+ - Privacy Policy - Email - Contatti - Omegatheme.com