La Netiquette, questa sconosciuta

Conosci le regoleQualche giorno fa sono stato ad un convegno dal titolo "#GalateoLinkedIn", dove alcuni professionisti del settore presentavano il loro progetto riguardante la creazione di una serie di regole per sfruttare e utilizzare al meglio il noto social network professionale. Una delle portavoci del gruppo, l'amica Valentina Marini, ha raccontato che l'idea stata concepita a causa della deriva "facebookiana" che sta recentemente avendo LinkedIn. L'utilizzo di un social network professionale, infatti, dovrebbe essere attento e oculato ed evitare l'utilizzo di caratteristiche proprie delle community più "ludiche".

A mio parere, però, anche queste ultime hanno subito una deriva piuttosto preoccupante. L'esteso utilizzo di Internet degli ultimi dieci anni ha portato un imbarbarimento delle community che cominciano a presentare più di un problema. Diciamocelo: i social vengono utilizzati male, anzi malissimo, e questo deriva dal poco "senso civico digitale" e dal grado di analfabetismo funzionale degli utenti.

Da qui la domanda sorge spontanea: quanti degli assidui frequentatori dei social network di oggi conoscono la Netiquette?

Dice Wikipedia che la Netiquette "È un insieme di regole che disciplinano il comportamento di un utente di Internet nel rapportarsi agli altri utenti attraverso risorse come newsgroupmailing listforumblog, reti sociali o email in genere". È un documento che risale al lontano 1995, quando Internet non era ancora così diffuso come oggi, e conteneva le norme di comportamento che gli utenti dei cosiddetti Newsgroup Usenet. Più che un galateo è una serie di regole di buon senso che possono essere prese come riferimento per vivere Internet con un po' di senso civico. Agli albori di Internet il richiamo alla Netiquette era frequentemente utilizzato, soprattutto nei forum, quando le discussioni tra i partecipanti prendevano una brutta piega.

Poi l'oblio.

E allora vediamo qualche regola contenuta in questa Netiquette, chissà che non ci permetta di fare una riflessione sulla situazione attuale.

  1. Rispettare le persone diverse da te per culturareligione, ecc.
  2. Non incitare o fornire informazioni su attività illegali, immorali o pericolose per chi le fa e per gli altri.
  3. Non fornire informazioni errate, imprecise, incomplete, ambigue o obsolete. In caso di dubbio, verificarle prima.
  4. Se si invia un messaggio esso deve essere chiaro, sintetico e diretto.
  5. Scrivere in maiuscolo equivale ad urlare, per cui bisognerebbe limitare questa pratica.
  6. Non divagare rispetto all'argomento della discussione.
  7. Non condurre "guerre di opinione" sulla community.
  8. Non pubblicare mai, senza l'esplicito permesso dell'autore, i messaggi inviati per posta elettronica
  9. Non pubblicare messaggi stupidi o che semplicemente prendono le parti dell'uno o dell'altro fra i contendenti in una discussione.
  10. Non inviare spam.
  11. Non essere intolleranti con chi commette errori sintattici o grammaticali. Se proprio si deve, far notare l'errore con educazione, al solo scopo di aiutare.

Esiste poi una regola molto semplice, che è andata purtroppo perduta con l'avvento della banda larga, ma che, a mio parere, dovrebbe essere sempre tenuta in considerazione:

  1. Qualunque attività che appesantisca il traffico o i servizi sulla rete deteriora il rendimento complessivo della rete.

Vale a dire: tutto ciò che non serve non dovrebbe essere postato in quanto non fa altro che aumentare insensatamente il traffico di Internet.

In altre parole la Netiquette ci suggerisce di pensare bene a quello che abbiamo scritto prima di cliccare sul tasto "Invia".

Condividi
FaceBook  Twitter  

Cronologia Articoli

Twitter

fabmad Stop ai CV: Unilever assume grazie all'AI e alla Gamification https://t.co/1AUywOFg1D

© 2017 FabMad di Fabrizio Maddalena P.I. 08082900963. Tutti i diritti riservati - Social: Fabrizio Maddalena su Facebook Fabrizio Maddalena su Twitter Fabrizio Maddalena su LinkedIn Fabrizio Maddalena su Google+ - Privacy Policy - Email - Contatti - Omegatheme.com